LA CARTA DEI SERVIZI

Provincia Romana Ordine dei Chierici Regolari Ministri degli Infermi (Padri Camilliani) Sede in L.go Ottorino Respighi,

n°6 001 36 ROMA

Clinica

Residenza Sanitaria Assistenziale

San Camillo

Via Valleradice, snc 03039 SORA (Fr)

 

REGOLAMENTO INTERNO


Finalità

E’ una struttura residenziale sanitaria extraospedaliera organizzata per nuclei, finalizzata a fornire ospitalità, prestazioni sanitarie, assistenziali, di recupero funzionale e di inserimento sociale, nonché di prevenzione dell’aggravamento del danno funzionale per patologie croniche nei confronti di persone non autosufficienti, non assistibili a domicilio. L’ospitalità può essere anche temporanea e programmata per il completamento di programmi riabilitativi già iniziati in strutture ospedaliere o riduzione del carico assistenziale sulla famiglia.

Principi organizzativi e funzionali
LA RSA garantisce alle persone ospiti: il rispetto della dignità e della liberta personale, della riservatezza, dell’individualità e delle convinzioni religiose; la continuità dei rapporti sociali e della vita di relazione e al di fuori della RSA, consentendo all’ospite, compatibilmente con le sue condizioni psico-fisiche, la libertà di movimento anche all’esterno della struttura;
l’ambiente di vita e gli orari delle attività sono il più possibile simili a quelli della comunità di provenienza; agli ospiti è data facoltà, compatibilmente con le esigenze assistenziali, di personalizzare l’ambiente con suppellettili e arredi propri;
all’interno della RSA è garantita la socializzazione, anche con l’apporto e l’utilizzazione delle associazioni di volontariato e degli altri organismi associativi esistenti nel territorio;
è promossa la partecipazione e la responsabilizzazione della famiglia al piano di recupero e di quanti anche al di fuori dei rapporti di parentela, intrattengano con l’ospite relazioni di carattere affettivo.

Descrizione della struttura
La RSA, denominata San Camillo, insiste su un’ampia area sita nel comune di Sora (FR), in località Valleradice snc.

Il complesso immobiliare sorge su una collinetta prospiciente il comune di Sora, in mezzo ad una pineta che, per la sua posizione, consente di godere di una riposante veduta della compagna circostante.

La zona è particolarmente idonea ad una Residenza Sanitaria, essendo lontana sia da insediamenti urbani intensivi che da zone industriali, ma nel contempo facilmente collegabile con la città e consente l’integrazione socio-assistenziale e di raccordo con le famiglie.

Il terreno di pertinenza del complesso immobiliare ha un’estensione di mq 40.000, di gran lunga superiore a quanto richiesto dalla normativa vigente, così da consentire oltre ad ampi spazi da destinare a parcheggi, anche la realizzazione di percorsi attrezzati nel verde, utilizzabili gran parte dell’anno, dato il clima mite della zona. Questi percorsi sono finalizzati alla attività di svago e di riabilitazione dei residenti.

Si accede alla struttura tramite un cancello principale telecomandato sito sulla via comunale; dalla strada d’ingresso si accede ad un ampio piazzale, ove è posto l’ingresso alla RSA.

Nella parte posteriore del fabbricato è sito un ampio piazzale destinato parte a parcheggio e parte a giardino. L’ingresso alla RSA è costituito da una grande porta a vetri alla quale si arriva con una scalinata e con una rampa per portatori di minorazioni fisiche.

Tutto il complesso è circondato da verde con prato ed alberatura.

Nell’esecuzione della ristrutturazione si è tenuta presente la necessità nei vari ambienti di un idoneo cambiamento di aria e che tutti i locali potessero usufruire di illuminazione naturale.

Inoltre, per i materiali di costruzione, si sono impiegati manufatti atti a insonorizzare e a isolare termicamente i vari ambienti e si è tenuto conto di attuare la massima privacy  in tutti gli ambienti residenziali.

Sono installate 4 telecamere a funzione continua in punti sensibili all’esterno della struttura, controllate  dal  personale addetto   alla portineria-ricevimento.

Caratteristiche strutturali
Dimensioni: 40 POSTI di RESIDENZA, articolati in 2 nuclei da 20 posti letto.

Nucleo:
area abitativa : camere da 2 letti con WC

servizi di nucleo: soggiorno gioco-tv/ cucina/ saletta da pranzo/ servizi igienici e bagno assistito/ locali per il personale, separati per sporco/pulito.

Centro servizi di vita collettiva, sanitari, ausiliari e generali. L’attività della RSA è rivolta, mediante metodologie diversificate (fisiocinesiterapia, musicoterapia, terapia occupazionale, attività socio-relazionali e ludico-ricreative) al recupero psicofisico degli ospiti e al rallentamento del processi involutivi e, ove possibile, al reinserimento nella propria comunità.

E’ intendimento della struttura mantenere la continuità del rapporti sociali e della vita di relazione del propri ospiti, anche al di fuori della RSA, sempre compatibilmente alle condizioni psicofisiche degli stessi.

Particolare riguardo è rivolto alla ricerca della collaborazione sia con le famiglie degli ospiti che con le organizzazioni sociali e di volontariato, al fine di riprodurre il più possibile il modello familiare, onde creare il minor disagio adattativo agli ospiti della RSA.

Il personale sanitario e amministrativo è costantemente a disposizione degli assistiti e del loro congiunti per fornire notizie, raccogliere suggerimenti o lamentele, al fine di migliorare costantemente l’assistenza fornita. Sono previste forme di collaborazione, soprattutto riguardo all’assistenza medico­specialistica con il S.S.N. e le altre strutture del territorio.

Organigramma

 

Disciplinato dal Decreto del Commissario ad Acta della Regione Lazio, n.U00099/l5.06.2012.

 

a)        medico specialista, in qualità di Direttore Sanitario (vedi curriculum allegato), con presenza di almeno quattro ore giornaliere e con responsabilità dell’assistenza sanitaria e delle condizioni psico-fisiche degli ospiti, oltre che di tutte le altre condizioni logistiche, previste dal regolamento regionale ;

b)        infermiere dirigente con la responsabilità della direzione organizzativa ed alberghiera, per quanto di competenza, con presenza giornaliera di almeno sei ore

c)   infermieri professionali, in numero tale da assicurare un’adeguata assistenza in riferimento al livello assistenziale richiesto durante l’arco delle 24 ore

d)    terapisti della riabilitazione ed educatori professionali in numero di 2 con turni articolati nelle 12 ore operatori tecnici dell’assistenza, in numero tale da assicurare un adeguato trattamento in riferimento al livello assistenziale richiesto durante l’arco delle 24 ore.

 

 

 

 

 

 

 

 

Modalità di accesso e dimissioni 

 

La proposta di accesso in RSA è effettuata dal medico di medicina generale, dai servizi territoriali dell’ASL di residenza (ad avvenuto convenzionamento) ovvero, in caso di dimissione dall’ospedale, dal Primario della struttura ospedaliera, nel rispetto della volontà del paziente ovvero, in caso di incapacità di intendere e di volere, di chi ne assume la responsabilità.

L’accesso e le dimissioni dalla RSA sono disposti dalla Direzione Sanitaria della RSA (o dall’unità valutativa territoriale del Centro di assistenza domiciliare, in caso di avvenuto convenzionamento) previa valutazione multidimensionale del caso, dalla quale devono emergere, come fattori determinanti della scelta, il grado di non autosufficienza e l’impossibilità, anche temporanea, dell’utente di usufruire di altre forme di assistenza, quali l’assistenza domiciliare o di strutture semi-residenziali, che ne consentano la permanenza al proprio domicilio.

Gli ospiti della RSA possono essere dimessi, anche in via temporanea, per ricovero in altra struttura sanitaria di diagnosi e cura, per rientro in famiglia o per altri motivi, con diritto di riammissione, compatibilmente con la disponibilità dei posti letto.

 

Prestazioni

a) di medicina clinica Le prestazioni di medicina generale sono erogate dal medico di libera scelta dell’assistito, nei limiti e alle condizioni previste per la generalità dei cittadini, nell’ambito del relativo accordo collettivo

nazionale; il sanitario può visitare il proprio paziente a suo piacere

7

ed è rimborsato dalla ASL, secondo le norme previste.

b)   di medicina specialistica

 

Le prestazioni specialistiche comprendono visite, prestazioni di branca, di diagnostica strumentale e di laboratorio; sono erogate dai presidi territoriali della ASL di Frosinone, previa richiesta del medico di medicina generale, e poste in essere dalla Direzione sanitaria; l’eventuale partecipazione della spesa e’ a carico dell’ ospite; è previsto il trasporto con autoambulanze negli ambulatori specifici.

c)   farmaceutiche

Le prestazioni farmaceutiche sono assicurate con le modalità e nei limiti previsti per la generalità dei cittadini, tramite il medico generalista dell’assistito. La RSA provvede con il proprio personale all’acquisto ed alla fornitura dei farmaci necessari alla terapia dell’ospite.

d)   infermieristiche

comprendono, oltre alle normali prestazioni di routine (terapia iniettiva, fleboclisi, prelievi), il controllo delle prestazioni terapeutiche, la prevenzione nei limiti del possibile umano delle infezioni e delle cadute (tenuto conto della tipologia dei pazienti, spesso affetti da gravi turbe deambulative), l’individuazione precoce delle eventuali modificazioni dello stato di salute fisica e di compromissione funzionale, l’attivazione tempestiva degli interventi necessari da parte degli altri operatori competenti.

e)   riabilitative

atte ad impedire gli effetti involutivi del danno stabilizzato, con particolare riguardo alla rieducazione dell’ospite per lo svolgimento delle comuni attività quotidiane (deambulazione e azioni elementari

di vita, anche con idonei supporti) , nonché alla rieducazione psico­sociale, soprattutto attraverso la terapia occupazionale; a tale proposito, è previsto anche H ricovero in regime diurno

 

f)   consulenza e controllo dietologico

comprendenti interventi sia di carattere generale che di carattere specifico sulle diete dei singoli ospiti, sono assicurati dal personale incaricato di cucina, sia nella sala-ristorante del pianterreno che nelle salette dei 2 nuclei di corsia.

La dieta, per singoli pasti e per 4 settimane, è parametrata sulle norme rilasciate dal SIAL (Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione della ASL), con la presa d’atto della Direzione Sanitaria della RSA; detto Servizio si occupa periodicamente dell’aggiornamento del personale, di concerto con la suddetta DS

g)   sostegno psicologico

per gli ospiti, con verifica dell’attuazione del progetto terapeutico individuale

h)   aiuto personale e assistenza tutelare,

consistenti nell’aiuto all’ospite per l’igiene e la cura della propria persona, nell’aiuto ed assistenza per l’alimentazione e negli spostamenti all’interno della struttura

i)  prevenzione della sindrome da immobilizzazione

nei confronti delle persone totalmente non autosufficienti, con riduzione al minimo del tempo trascorso a letto

I) prestazioni alberghiere

comprendono alloggio, vitto e servizi generali, rapportate alle particolari condizioni degli ospiti e alle loro patologie

 

 

m) attività di animazione, occupazionale, ricreativa

di integrazione e di raccordo con l’ambiente familiare e sociale di origine, soprattutto attraverso ergoterapia, attività ludiche, tecniche psicologiche di orientamento e riattivazione per soggetti con deterioramento mentale anche senile; sistematici incontri con familiari ed amici nonché attivazione delle attività di segretariato sociale, utilizzando il contributo delle associazioni di volontariato

n) trasporto, accompagnamento

per eventuale assistenza alla fruizione di prestazioni sanitarie all’esterno della RSA.

o) prestazioni varie

sono assicurate, altresì, prestazioni da parte di psicologi e assistenti sociali attraverso i servizi territoriali def distretto, oltre a prestazioni protesiche, odontoiatriche complete e podologiche, alle condizioni previste per tutti i cittadini. Sono inoltre assicurate prestazioni di cura personale (parrucchiere, barbiere, ecc.), a richiesta degli ospiti e con oneri a loro carico.

In RSA è eventualmente previsto personale amministrativo aggiuntivo, da adibire ai servizi generali, in rapporto al numero degli ospiti e ad eventuali esigenze maturate.

Assistenza religiosa e spirituale

favorendo la presenza di diversi assistenti religiosi a seconda della confessione degli ospiti.

Identificazione degli operatori

Tutti gli operatori della RSA sono identificati mediante cartellini con nome, cognome e qualifica.

 

Cartella personale

Per ciascun utente è istituita una cartella personale, in cui sarà raccolta tutta la documentazione, l’autorizzazione rilasciata dalla ASL di competenza dell’utente, la scheda informativa e l’indicazione del progetto riabilitativo predisposto dall’ équipe valutativa interdisciplinare, nonché tutti gli aggiornamenti e diario delle attività, a cura degli Operatori Sanitari.

La cartella personale, inoltre, dovrà contenere qualsiasi variazione relativa alla residenza o recapito dei familiari dell’utente. Il trattamento dei dati personali avverrà secondo le normative vigenti in tema di privacy, le cartelle personali, a richiesta, possono essere esibite all’ospite, a persona da lui espressamente delegata, ai soggetti titolari della tutela e curatela, nonché ai soggetti formalmente incaricati della vigilanza.

Corredo personale

L’utente dovrà essere fornito del corredo personale durante tutta la degenza in forma residenziale.

La RSA mette a disposizione degli utenti il servizio lavanderia facoltativa per gli effetti personali e guardaroba nei limiti previsti dalla normativa in materia.

Rapporti degli utenti con le famiglie e con l’ambiente esterno

La RSA SAN CAMILLO, nello svolgimento della attività riabilitative, educative e socio-assistenziali, favorisce i rapporti degli utenti con l’ambiente esterno e con il contesto familiare di appartenenza. I ricongiungimenti familiari sono di norma previsti nel programma riabilitativo individualizzato con cadenza da stabilire e con modalità

diverse, preventivamente concordate. Gli utenti possono ricevere

visite dai loro familiari, parenti ed amici, che dovranno qualificarsi presso l’Ufficio Ricezione e rispettare gli orari della residenzialità.

Orari di apertura

Dalle h 5,30 a.m. alle h 21 p.m.

Vitto

Sono previsti la prima colazione e i due pasti principali, con merende in mattinata e nel pomeriggio, secondo i seguenti orari prima colazione h 8.00 – 9.00 pranzo      h 12.30-13.30

cena                            h 19.30 – 20.30

Sono previste diete particolari, prescritte dal Responsabile Sanitario della RSA o dal medico curante dell’utente o comunque intervenute per ogni contingenza dell’ospite, con tempestiva comunicazione al servizio cucina.

I pasti vengono serviti e consumati nell’apposita sala-ristorante del pianterreno, oltre che nelle salette adAocdei nuclei.

Modalità assicurative

Per eventuali danni causati dagli utenti a persone o cose, anche estranee alla RSA, la stessa provvede direttamente con apposita assicurazione per responsabilità civile verso terzi; la Clinica è altresì assicurata per la responsabilità derivante dallo svolgimento delle attività tipiche della struttura, ivi compreso l’operato dei singoli collaboratori.

Diposizioni particolari

Gli ospiti sono tenuti al rispetto delle norme generali riguardanti la

vita di comunità, l’igiene personale e i rapporti interpersonali, pur prendendo atto delle particolari patologie dei pazienti propri delle Cliniche RSA (sindromi degenerative cerebrali, turbe cognitive importanti, difficoltà deambulative post-emiplegiche o per m. di Parkinson o parkinsonismi, ecc.). In particolare:

  1. rispetto degli orari previsti per tutte le attività programmate di pertinenza logistica
  2. rispetto delle regole di civile convivenza in comunità nei confronti degli altri utenti e degli operatori della RSA, impegnati per realizzazione dei servizi e nello svolgimento di tutte le attività
  3. avere cura del mobilio, delle suppellettili e delle stanze stesse, tenendo in ordine gli ambienti, dati in uso personale e collettivo
  4. rispettare il divieto di fumo in ogni ambito della clinica
  5. si vieta di sostituire serrature di porte degli ambienti e armadi in uso e altresì di tenere fornelli elettrici in camera, di cucinarvi (ai sensi della legge 626/94) e di sovraccarica abusivamente le prese di corrente, salvo espressa autorizzazione
  6. i visitatori possono accedere in clinica durante l’orario di apertura, evitando gli orari di dispensa dei pasti e di pulizia, salvo autorizzazioni, per owii motivi di igiene generale
  7. la clinica non assume responsabilità per eventuali valori conservati direttamente dagli utenti
  8. le presenti disposizioni dovranno essere sottoscritte dall’utente o da chi ne fa le veci all’atto della domanda di presentazione di ammissione.

 

Salvaguardia dei diritti dell’utente

Agli ospiti della RSA sono garantiti il diritto al rispetto della libertà e dignità della persona, alla personalizzazione e all’umanizzazione dell’assistenza, nonché all’informazione e alla riservatezza. L’ospite e i propri familiari possono presentare soltanto alla Direzione amm.va e/o sanitaria eventuali doglianze e reclami in ordine a presunti disservizi, e non al personale di assistenza. Gli ospiti della RSA possono recarsi all’esterno della struttura, sempreché consentito dalle loro capacità psicofisiche e, se necessario, accompagnati da familiari, amici, conoscenti, obiettori di coscienza volontari ovvero, in casi eccezionali, da operatori della stessa clinica, sempre con regolare autorizzazione della Direzione.

Partecipazione delle Associazioni di volontariato

 

Possono accedere in Clinica in funzione degli specifici bisogni degli ospiti, previ accordi con la Direzione; possono collaborare con gli operatori della RSA nelle attività di socializzazione e animazione, nonché di promozione dei rapporti con il contesto sociale e familiare degli ospiti.

Il presente regolamento è stilato, tenendo conto dei suggerimenti generali dei competenti uffici della Regione Lazio.

SCARICA LA CARTA DEI SERVIZI: RSA San Camillo – Carta dei Servizi